1427

Metodo classico

Caratteristiche

Il Raboso è il vitigno rosso più antico e tipico della Repubblica di Venezia e Giol è il più storico dei produttori producendolo almeno dal 1427: in questi secoli abbiamo imparato a conoscere quest’uva straordinaria, ricca di acidità, tannini ed aromi finissimi che si adatta alla fermentazione in bottiglia e al lungo invecchiamento. All’aspetto si presenta con un colore giallo paglierino carico impreziosito da un perlage finissimo, vivace e persistente.
Il bouquet è tipico dei migliori Metodi Classici: elegante, raffinato, ricorda la crosta di pane, con particolari note di cannella e speziato. Il gusto è ricco, sapido, avvolgente, pieno, asciutto.

Varietà: Raboso

Denominazione: Edizione limitata di 1427 bottiglie

Terreno: Ricco di scheletro, ghiaia e sassi, argilloso

Alcool: 12,00 % vol.

Abbinamenti: Ottimo come aperitivo per i brindisi più importanti, il Raboso biologico e vegano Giol si sposa benissimo al pesce di mare, come a carni delicate e aromatiche, nonché a formaggi tipici della tradizione locale.

Vinificazione

Uve raccolte a mano, selezionate e pressate con cura, separando subito il mosto dalle bucce in modo da non acquisirne il colore. Vinificazione in bianco con refrigerazione del mosto, decantazione statica in iperossigenazione e inoculi di lieviti. Prima fermentazione controllata a freddo a 14°C. Travaso e maturazione fino alla primavera sulle fecce nobili; filtrazione e inoculo di lieviti, aggiunta di zucchero ed imbottigliamento per la rifermentazione in bottiglia. Il vino ha poi riposato a lungo per 40 mesi nella parte più antica, suggestiva e fresca delle nostre Cantine, prima della sboccatura. Per mantenerne tutta la tipicità e le caratteristiche proprie del Raboso, abbiamo preferito non aggiungere Liqueur d’expedition: è dunque con “dosaggio zero”.

    Contattaci per ricevere più informazioni

    Scopri gli altri vini

    Un vino puro come il nostro, non appesantito dalle moltissime “scorciatoie” enologiche non colpisce le papille, non le offende ma le avvicina e le asseconda; la ricompensa per questa naturale empatia è tanto banale quanto evidente, soprattutto nel palato: vini piacevoli da bere, equilibrati, armonici e bilanciati.

    Torna su